Fai il tuo Orto

C’è un momento per tutto: oggi è quello di coltivare la lattuga in cassetta.

La lattuga rientra senza alcun dubbio tra gli ortaggi più diffusi negli orti e tra quelli più utilizzati nelle cucine di ciascuno; questo grazie alla sua rapidità di crescita e anche perché appartiene alla categoria delle piante più semplici da curare. Nonostante sia comunemente conosciuta come insalata, in realtà sarebbe più corretto chiamarla lattuga, in quanto l’appellativo “insalata” riguarda piuttosto la sua modalità di impiego.

E’ presente in qualsiasi dieta, derivante dal suo minimo importo calorico e dalla forte presenza di minerali come fosforo, potassio, calcio, magnesio, ferro e vitamine. Non solo, il suo utilizzo è anche un’idea vincente per preparare un contorno semplice e veloce!

agriculture-1782437_640 pixabaySe sei intenzionato a comprare i semi per metterli a dimora, dovrai dimostrare di aver pazienza e fiducia dal momento che impiegherai circa un mese in più rispetto a quello che avevi previsto. In questo modo sarà come attendere la nascita delle tue piantine e avrai anche modo di pensare perfino ad un nome da dargli; diciamocelo, è sempre un momento emozionante!.

Se invece vuoi rendere più semplice e veloce la coltivazione della lattuga in cassetta ti consigliamo di procurarti direttamente le piantine in un garden center. Anche noi, per risparmiare tempo e fatica, ci siamo attenute a questo procedimento.

Attenzione! Grazie alla radici poco profonde della lattuga, puoi servirti di una cassetta che non sia troppo profonda, ragion per cui potresti sistemare le tue piantine addirittura in ciotole o barattoli! Le abbiamo perfino scovate trapiantate all’interno di un alternativo utilizzo delle grondaie, sistemate in veri e propri orti sospesi.

Tra le moltissime varietà di lattuga esistenti, quelle che sono maggiormente adatte alla coltivazione in cassetta sono quelle da taglio o da cespo. La lattuga coltivata in vaso necessita di un’esposizione a mezzo sole anche se in linea generale si adatta a tutti i tipi di clima, tranne che al freddo intenso. La coltivazione di questa specialità di ortaggio non necessita di particolari annaffiature:non dovranno essere eccessive ma è importante drenare il terreno, preferibilmente al mattino, in maniera costante e soprattutto quando appare visibilmente asciutto. In tal senso, una carenza eccessiva di acqua potrebbe indurre le piante a fiorire in anticipo e quindi “addio bella insalata”!

Vediamo allora quali sono i semplicissimi passaggi a cui dovrai attenerti per mettere in pratica una corretta coltivazione. Di seguito, attraverso lo slide show, troverai i passaggi con illustrazione.

  • Procurati una cassetta, preferibilmente in legno.
  • Recupera un paio di guanti e una paletta;in alternativa a quest’ultima, potrai utilizzare anche un cucchiaio, nel modo che ti abbiamo descritto in questo articolo .
  • Prendi le piantine di lattuga che hai acquistato nel tuo vivaio di fiducia.
  • Procurati un comune sacchetto di plastica del tipo biodegradabile e posizionalo sul fondo della cassetta; aiutandoti con un paio di forbici, fai ad esso dei piccoli tagli in modo da permettere la fuoriuscita dell’acqua in eccesso. Per le stesse finalità, in qualche occasione abbiamo visto utilizzare, al posto di quest’ultimo, un pezzo di rete da zanzariera.
  • Aggiungi sul fondo una quantità necessaria di argilla espansa per favorire un drenaggio ottimale dell’acqua.
  • Unisci il terriccio universale che ti sei procurato. Abbi cura di questa scelta optando per un substrato soffice e di buona qualità.
  • Adesso, una ad una, posiziona le piantine di lattuga nella cassetta. Crea dei buchi nel terreno, poco profondi, aiutandoti con la paletta o il cucchiaio.
  • Annaffia leggermente per inumidire il terreno. Le successive operazioni di irrigazione dovranno svolgersi bagnando le foglie il meno possibile.
  • Come ultimo passaggio, raccogli la lattuga in modo scalare via via che è pronta, tagliandola a circa un centimetro dal colletto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Buon Verdelario!


Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento e ricorda che per restare in contatto con noi puoi iscriverti alla nostra newsletter o seguire la pagina Facebook.

Annunci

2 pensieri riguardo “C’è un momento per tutto: oggi è quello di coltivare la lattuga in cassetta.”

  1. Mi è piaciuta l’idea della lattuga in cassetta, vorrei provare una variante che mi ha detto mia suocera; prima del terriccio vorrei metterci del letame di mucca asciutto o vecchio, per rendere più ricco il terreno.

    Mi piace

    1. Cara Meri,
      Sicuramente l’idea che ti ha suggerito tua suocera è ottima poiché il letame è uno strumento eccezionale per una buona concimazione! Il problema non si pone se si utilizza in campo aperto; ma se venisse utilizzato su un balcone o comunque in prossimità della nostra abitazione, probabilmente non sarebbe piacevole essere continuamente accompagnati da quell’odore, che per carità ad alcuni piace, ma non pensiamo sia proprio il massimo. Infine, non dimenticare che negli escrementi di animali, come ad esempio per i buoi, sono presenti le spore del tetano; tenere il letame su un terrazzo oppure troppo vicino alla nostra casa potrebbe causare problemi di tipo igienico sanitari.
      Per ovviare a questa situazione potresti decidere di utilizzare un’alternativa simile ed altrettanto utile come il letame: l’humus di lombrico.
      A presto e Buon Verdelario!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...