Fai il tuo Orto, Home

SOGNO, O SON PESTO? Coltivazione di basilico in vaso.

SCOPRI LA VARIETÀ DI BASILICO CHE TI RAPPRESENTA

Ti abbiamo già parlato di quanto sia utile avere a portata di mano una cassetta di erbe aromatiche e di quanto sia facile crearne una. In questo articolo ti insegneremo come coltivare ed impiegare nel migliore dei modi l’erba aromatica più famosa e più utilizzata nella cucina mediterranea: il basilico. Difatti non c’è un vivaio o un supermercato che in questo periodo decida di non esporre una piantina di basilico con il suo aroma inconfondibile, ci hai fatto caso?! Avere una pianta come il basilico sempre fresco e a portata di mano sarà una risorsa importantissima, perché potrai aggiungerlo sia nei sughi per la pasta che negli svariati condimenti estivi! Insomma, se il gusto ed il profumo unico delle sue foglie ti piace, mancherà di essere aggiunto solo nel caffè-latte del mattino!

Il basilico, denominato in scienza Ocimum Basilicum, è una pianta erbacea annuale ed appartiene alla famiglia delle Lamiacee. In natura si contano molte varietà, circa sessanta, ed ogni cultivar si differenzia una dall’altra per il colore, la forma o l’intensità del suo aroma.

Attenzione! Hai presente il serpentone nel film di Harry Potter “La Camera dei Segreti”, luogo che sta particolarmente a cuore a Lord Voldemort?  Si tratta di un serpente terribile e letale, chiamato appunto basilisco, addirittura capace di uccidere col solo sguardo. Nella mitologia greca, il basilico è descritto come l’unico antidoto del veleno inflitto proprio da quell’esemplare!

Per iniziare questa entusiasmante avventura partendo dalla coltivazione del seme in semenzaio coperto, dovrai cerchiare come promemoria sul calendario il prossimo marzo-aprile poiché periodo perfetto per ottenere un basilico rigoglioso. Una volta cresciute le piantine, dovrai diradarle per permettere alle piante più forti di trarre più nutrimento possibile ed infine, verso aprile-maggio, potrai trapiantarli. Tuttavia, anche se ne consigliamo la coltivazione nel periodo tardo primaverile, potrai coltivare il basilico in qualsiasi periodo dell’anno; in questo modo però dovrai ricorrere artificialmente nel ricreare temperature temperate-calde e condizioni soleggiate.

In alternativa, come ti abbiamo già detto, potrai optare per la semina direttamente a dimora oppure acquistare le piantine già pronte. Questo è esattamente ciò che abbiamo fatto noi!

Se vorrai ottenere un basilico sano e robusto dall’aroma unico, sarà fondamentale gestire le annaffiature in modo considerato; infatti, andranno evitati eventuali ristagni di acqua e per evitare questo potrai posizionare uno strato di argilla espansa sul fondo del vaso. Le innaffiature, quindi, dovranno essere frequentemente (ma non troppo), tanto da restituire un terreno prevalentemente umido.

Scegli un terriccio universale ricco di sostanze organiche, dopodiché posiziona il vaso ad esposizione soleggiata, possibilmente non sottoposto né ai raggi diretti del sole né a correnti di aria troppo violente.

basil-3405405_640 pixaMa non è tutto. Il basilico è anche un rimedio naturale perfetto per calmare nausee o spasmi intestinali; infine può anche svolgere, tramite infusione, azione curativa nei confronti di scocciature come raffreddore e tosse.

Nella scelta delle varietà abbiamo optato per il classico basilico ligure, ideale per fare il pesto, e se non vuoi rinunciare all’aspetto estetico, prova con il basilico foglia rossa dalle lamelle seghettate violacee adatte per decorare o insaporire oppure il basilico greco a palla, caratterizzato da foglie finissime e di colore verde chiaro con la tipica chioma a forma sferica, ed infine abbiamo inserito anche il basilico foglia di lattuga, ideale per piatti ricercati.

Vediamo in concreto come realizzare una cassetta con alcune varietà di basilico, basterà procurarsi una cassetta di medie dimensioni, del terriccio universale ed un pizzico di argilla espansa!

  1. Posiziona sul fondo del vaso uno strato di circa 2 cm di argilla espansa per favorire il drenaggio dell’acqua, facendo attenzione ad evitare possibili ristagni. In alternativa potrai utilizzare anche dei cocci di vaso da posizionare in prossimità delle fessure.
  2. Riempi il vaso con il terriccio universale, colloca le piantine e premi sul terreno per rendere stabili le piante.
  3. Bagna la terra e sistema il vaso in luogo abbastanza soleggiato e luminoso, evitando l’esposizione diretta ai raggi solari. Ricorda di irrigare in modo equilibrato, cercando di evitare possibili ristagni di acqua.

 

 

Attenzione!  Quando finalmente sarà il momento della raccolta, ti consigliamo di utilizzare le foglie partendo dalle punte, appena sopra una delle sue biforcazioni; questa operazione ti incentiverà la crescita delle parti verdi così posticipando la formazione dei fiori, segno inequivocabile dell’avvenuta maturazione della pianta.

Abbiamo preparato il video –> VARIETA’ DI BASILICO IN VASO in modo da farti vedere in maniera chiara tutti i passaggi.

Buon Verdelario!


Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento e ricorda che per restare in contatto con noi puoi iscriverti alla nostra newsletter o seguire la pagina Facebook, Instagram, e da oggi anche su YouTube.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...