Approfondiamo Insieme, Home

Come conservare la pomarola toscana nel miglior modo

Per un toscano doc il mese di agosto è fondamentale per due motivi: il primo perché è il momento ideale per andare e godersi le ferie; il secondo perché, al rientro delle vacanze, i pomodori saranno al massimo della loro abbondanza e maturi al punto giusto per iniziare a fare la conserva di pomodoro, condimento top per la pasta.

Chiamala pummarola, salsa o anche conserva. Per noi toscani rimarrà sempre un appuntamento fisso e irrinunciabile. In qualche articolo precedente ti abbiamo spiegato, in pochi e semplici passi, come fare la vera ricetta della pomarola toscana.

Quello di cui ci occuperemo oggi, è di farti vedere con quanta facilità sarà possibile conservare la pomarola, normalmente in dispensa, fino a 12 mesi!

La salsa di pomodoro viene solitamente mantenuta in vasetti di vetro – altri materiali potrebbero rilasciare, con il tempo, alcune sostanza chimiche – comprensivi del tappo a vite o, in alternativa, di un tappo in vetro a pressione provvisti di guarnizione in gomma.

il nostro consiglio è tuttavia di acquistare i tappi per ogni utilizzo per una maggiore igiene

> Dovrai assicurarti, prima di tutto, che essi siano in buone condizioni e cioè che non abbiano né scheggiature né crepe poiché durante la bollitura potrebbero rompersi. Prima del loro utilizzo i contenitori devono essere lavati con cura con acqua calda e sapone. Per farlo in maniera più accurata potrai anche servirti di una spazzola lava bottiglie.

> Adesso puoi procedere ad un passo fondamentale: la sterilizzazione. Avvolgi i vasetti in uno straccio e inserisci tutto in una pentola, riempila di acqua e falli bollire circa 20 minuti. Utilizzare un panno eviterà di farli sbattere tra di loro durante il procedimento. Procurati delle pinze da cucina in modo da immergere in acqua sia i vasi che i rispettivi tappi senza rischiare di bruciarti.

> Infine, asciuga per bene i barattoli prima del loro utilizzo, evitando di maneggiarli nel loro interno per evitare eventuali contaminazioni.

Dopo che avrai utilizzato il mixer ad immersione per frullare tutti gli ingredienti che ti abbiamo elencato qui (in alternativa puoi utilizzare un passatutto o un passaverdure), rimetti sul fuoco fino a far addensare la salsa, ovvero fin quando l’acqua dei pomodori non sarà evaporata.

> A questo punto potrai procedere con l’imbottigliamento della conserva, aiutandoti con un imbuto ed un mestolo, negli appositi barattoli puliti e sterilizzati. Riempi i barattoli fino in cima, lasciando solo circa mezzo centimetro di spazio vuoto dall’orlo. Prima di chiuderli con l’apposita chiusura, pulisci bene il bordo da ogni traccia di sugo.

> Sigilla ermeticamente i barattoli con gli appositi tappi.

> Metti sottovuoto i vasetti in modo da poter esser conservati nel tempo. Per attuare questo procedimento sarà sufficiente sistemare tutti i barattoli in una grande pentola colma di acqua in modo da ricoprirli sufficientemente


Questo slideshow richiede JavaScript.

e portala ad ebollizione per circa venti minuti. Così come hai fatto in uno dei passaggi precedenti, utilizzare un canovaccio avvolto tra i barattoli eviterà di farli scivolare o urtare con violenza tra di loro durante il procedimento.

> Lascia raffreddare completamente, dopodiché assicurati che il tappo stia sigillando correttamente utilizzando un piccolo trucco: se premi con un dito nel centro del tappo e non senti nessun movimento, significa che l’operazione è andata a buon fine; in caso contrario, dovrai ripetere tutti i passaggi di bollitura della salsa e di invasamento.

Attenzione! Purtroppo, in mood #maiunagioia, dietro alla tanta bontà della pommarola, si cela un terribile nemico: il botulino. Si tratta di una malattia paralizzante causata da una tossina prodotta da questo microrganismo e costituisce un reale rischio per la salute. Come suggerito dall’Istituto Superiore di sanità, il primo passo per evitare la contaminazione è la prevenzione. Se senti di voler approfondire, clicca sul link.

Per ultima cosa posiziona i barattoli in dispensa, in un luogo fresco a al riparo dalla luce diretta del sole, e per sicurezza apponi un’etichetta sul barattolo in modo da riportare la data in cui l’hai preparata.

Nel momento opportuno, stappando uno dei barattoli di conserva, potrai omaggiarti del suo avvolgente profumo e non vedrai l’ora di accompagnarla alle tue pietanze!

Buon Verdelario, buon appetito!


Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento e ricorda che per restare in contatto con noi puoi iscriverti alla nostra newsletter o seguire la pagina Facebook, Instagram, e daun po’ di tempo anche su YouTube

 

Annunci

2 pensieri riguardo “Come conservare la pomarola toscana nel miglior modo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...