Approfondiamo Insieme, Fai il tuo Orto, Home

Aglio nero: cos’è? Scopriamo insieme proprietà e benefici.

Il 2019 è iniziato da pochissimi giorni e il proposito più ricorrente è quello di volersi allontanare da persone tossiche, ovvero quel genere di individui che affogano i nostri pensieri affossando idee e riflessioni positive. La prima soluzione che sentiamo di consigliarti è il classico “Vaff…”, non è sempre elegante però talvolta funziona!

Altrimenti, per allontanare una persona a te antipatica, sarà sufficiente masticare due bei spicchi d’aglio e riversare dinanzi al soggetto prescelto una prepotente sbuffata dall’alito corposo. Per rimanere su questa onda empirica/esoterica, siamo felici di dirti che una tradizione popolare vorrebbe che venisse posizionato all’ingresso della porta di casa una treccia di aglio, in modo da allontanare spiriti maligni e persone con energie particolarmente negative.

La strategia allontana vampiri e/o persone maligne solo se si tratta della varietà di aglio tradizionale perché per il progetto che spiegheremo oggi, questo rimedio si rivelerà pressoché inutile e ti sveleremo al più presto il motivo. Meglio però non perdersi in chiacchere, quindi iniziamo!

In qualche nostro articolo del passato, ti abbiamo mostrato come costruire una cassetta idonea ad avviare la coltivazione di aglio così come abbiamo fornito precise indicazioni su come avresti potuto metterti alla prova iniziando una tua personale produzione di aglio biologico.

La coltivazione dell’aglio rientra tra le coltivazioni più diffuse ed amate dai contadini perché si tratta di una produzione semplice e poco costosa da realizzare. Inoltre ha una resa ottima e attraverso i vantaggi, le proprietà e i benefici da esso scaturiti, può essere impiegato nelle attività della vita quotidiana.

garlic-3164820_1280In questo articolo approfondiremo le nostre conoscenze sull’aglio nero, denominato anche black allium, ovvero una particolare, quanto innovativa modalità produttiva. Non perdiamoci quindi in chiacchiere ed iniziamo a scoprire questa ambita pianta bulbosa, produzione di tendenza e bramata dagli chef di tutto il mondo!

Si tratta di un tipo di aglio proveniente e portato alla luce dalla Corea nel vicinissimo 2004, il cui utilizzo si è poi diffuso a macchia d’olio in America ma anche in Europa, ed è riconoscibile per il suo colore quasi inatteso: il nero.

Ebbene sì, proprio di colore nero, e nella sostanza si tratta di aglio bianco lasciato fermentare senza che marcisca o vada a male. Nello specifico, vengono utilizzati dei bulbi di aglio fresco i quali, sottoposti ad una specifica percentuale di umidità e temperatura, producono come risultato uno stato di fermentazione particolare. Proprio per questa ragione non possiamo definire l’aglio nero una nuova varietà perchè non si tratta di una specie coltivata.

Si tratta di un processo che si articola in due fasi:

– la prima, che dura circa trenta giorni, consiste in un processo altamente naturale, dove non è prevista l’assimilazione di conservanti o additivi e come già detto, si sottopone l’aglio ad uno specifico grado di calore e livello di umidezza.

– Nella seconda, attraverso lo scorrere di ulteriori quarantacinque giorni, avviene la vera e propria trasformazione che, attraverso il procedimento di ossidazione, permette all’aglio di diventare nero, oltre che ad ammorbidire i singoli spicchi e renderli gradevoli rispetto al gusto pungente tradizionale.

Il risultato? Attraverso questa procedura abbiamo ottenuto un tipo di aglio che si presenta assai più delicato rispetto a quello dal sapore forte e pungente al quale siamo tutti abituati; i bulbilli, comunemente e impropriamente chiamati anche spicchi, saranno riconoscibili per il loro colore nero e per la loro consistenza morbida, per l’assenza del suo aroma intenso e per il sapore che restituisce al palato un gradevole retrogusto al sapore di liquirizia, per alcuni simile all’aceto balsamico o addirittura alla salsa di soia.

Le molteplici proprietà positive derivanti dall’utilizzo della varietà comune sono rappresentate dal contrastare l’ipertensione, l’influenza e il raffreddore ad essere un ottimo antiossidante e antitumorale. L’aglio nero, di contro, ha un’azione (maggiore rispetto a quello di tipo bianco) rigenerante e di protezione antiossidante e antitumorale delle cellule e del cuore, oltre che ad essere un vero e proprio toccasana utile a mantenere una forma psico-fisica ottimale.

Alcuni studi sono pronti ad affermare che l’utilizzo dell’aglio nero nella dieta garantisca un maggior controllo del livello di colesterolo, nonché essere un rimedio efficace per contrastare i vari stadi di psoriasi.

E allora perché non utilizzare il black allium, dal momento che non solo ci fornisce interessanti benefici per la nostra salute, ma è anche una soluzione trendy capace di farci fare una bellissima figura?

garlic-1039508_1920L’aglio nero, sebbene sia ancora una pianta di nicchia, è possibile trovarlo attraverso lo shopping online, ma sinceramente vorremmo consigliarti qualcosa di “certo” e sicuramente biologico; ecco il motivo per cui ti consigliamo di rivolgerti ad un prodotto 100% italiano e naturale, lasciato fermentare naturalmente e senza l’aggiunta di conservati, lieviti o additivi. E’ questo il caso dell’aglio nero di Voghiera DOP, che potrai conoscere meglio collegandoti direttamente al sito dove sono elencati i vari punti di informazione e di vendita.

Tuttavia, dato lo scarso impegno economico per l’acquisto dei bulbilli, potresti provare ad ottenere da solo il tuo personale aglio nero ma è nostro compito cercare di dissuaderti, poiché si tratta di un compito difficile, complesso e delicato e per il quale non è concesso il minimo errore. La missione maggiormente complicata per non far marcire l’aglio, sarà quella di riprodurre e controllare le giuste condizioni di umidità e temperatura. A te la scelta!

N.B. Tutte le informazioni pubblicate su questo sito hanno carattere divulgativo e non devono essere considerate come consulenze, o prescrizioni mediche, o di altra natura.

Non ci rimane altro che augurarti un’interessante lettura e via all’avventura!

Buon Verdelario!


Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento e ricorda che per restare in contatto con noi puoi iscriverti alla nostra newsletter o seguire la pagina Facebook, Instagram, e da un po’ di tempo anche su YouTube.

Annunci

2 pensieri riguardo “Aglio nero: cos’è? Scopriamo insieme proprietà e benefici.”

  1. Interessante.
    Ma se io dovessi spedire, con o senza vaffa, una certa persona in Corea e farla sottoporre al trattamento “aglio nero” – calore, umidità, fermentazione, ossidazione – credete che assumerebbe lo stesso colore dell’aglio? Perché penso proprio che ben gli starebbe.

    A parte gli scherzi, di cui mi scuso: è stato uno di quei raptus che mi prendono al mattino! Non conoscevo l’esistenza del pepe nero. Interessante, ripeto. C’è sempre qualcosa da imparare. Buona giornata. E grazie per essere mie/miei “follower”.

    Piace a 1 persona

    1. Ah ah ah , senza mandare “qualcuno” in Corea, basterebbe masticare per bene qualche spicchio di aglio bianco tradizionale, poi effettuare una poderosa sbuffata sul viso di tale persona… Di sicuro si allontanerebbe all’istante senza vaff… Nessun problema, ridere fa bene! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...