Approfondiamo Insieme, Home

#10DaysChallenge in cucina: come non far marcire frutta e verdura.

Se sei un appassionato di social network, avrai sicuramente notato la tendenza del momento che sta coinvolgendo migliaia di persone, tra queste anche molte celebrità che hanno preso parte alla #10YearsChallenge. La “sfida” consiste nel postare due immagini su Instagram e Twitter una accanto all’altra, mostrando come il soggetto appare adesso e com’era dieci anni fa.

E’ proprio partendo da questa idea che abbiamo deciso di partecipare a questo gioco, ironizzando anche un po’ sull’argomento modificando il Challenge di 10 giorni ed utilizzando cinque tipi di frutta e verdura.

Quante volte ti capita di dover scartare frutta o verdura a causa di una maturazione eccessiva e prematura? Approfitteremo di questa occasione per darti alcuni preziosi consigli sull’argomento.

  • IL POMODOROpomodori
  • LA LATTUGA2.insalata
  • LA CIPOLLA3.cipolla
  • LA MELA4.mela
  • IL LIMONElimone

Lo spreco è davvero una brutta bestia, soprattutto per chi ha vissuto parte della sua vita in guerra come Pasquale, nonno di Ilaria tirchio alla nascita, il quale si rivolterebbe al solo pensiero di una patata sbucciata anziché consumata per intero! Forse così è esagerato ma per il rispetto di chi non ha viveri a sufficienza, diventa un dovere porre attenzione ad alcune semplici indicazioni in modo da ridurre sensibilmente lo spreco. Eccone alcuni:

  1. Scegliere possibilmente frutta di stagione, e con un bell’aspetto, in modo da garantire un processo di maturazione naturale.
  2. Acquistare frutta e verdura in quantità sufficienti al tuo nucleo familiare, cercando di pianificare il loro utilizzo. Comprare dieci kg di arance o limoni ha poco senso se in casa ci abitano due persone!
  3. Una volta a casa e dopo aver sceso la spesa è utilissimo separare la frutta e verdura in modo da ridurre l’azione dell’etilene, responsabile del processo di maturazione. Riponi in un portafrutta ciò che intendi consumare a breve mentre sistema in frigorifero tutto il resto, negli spazi in basso dove la temperatura è meno invasiva.
  4. Scegliere prodotti di origine Bio, preferendo merce di provenienza locale. Questa scelta ti ripagherà: più un ortaggio ha un trasporto breve più fresco arriverà nella tua casa!
  5. Togliere frutta e verdura dai contenitori che spesso sono di plastica e scegliere di riporli in sacchetti alimentari di carta – attraverso un semplice riuso di quelli del pane – eviterà l’effetto condensa mantenendo gli alimenti al fresco.

Se conosci un trucco o un ulteriore accorgimento per non far andare a male velocemente frutta e verdura, lascia un commento!

Buon Verdelario!


Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento e ricorda che per restare in contatto con noi puoi iscriverti alla nostra newsletter o seguire la pagina Facebook, Instagram, e da un po’ di tempo anche su YouTube.

Annunci

5 pensieri riguardo “#10DaysChallenge in cucina: come non far marcire frutta e verdura.”

  1. Grazie per i consigli utili che mi avete dato. Io conosco quello sulle patate, che vanno tenute al buio e all’asciutto per evitare che germoglino . E sulle banane posso dire che si può ritardare il processo di maturazione coprendo con dell’alluminio il cimo che tiene unito il casco di banane.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...